Lo sapevi che la legge di Bilancio 2022 ha prolungato l'erogazione del bonus acqua?

Si tratta di un incentivo riconosciuto dallo Stato a tutti coloro che decidono di acquistare ed installare un sistema di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare

Stampa l'articolo

LO SAPEVI CHE...

La legge di Bilancio 2022 ha prolungato l’erogazione del bonus acqua. Si tratta di un incentivo riconosciuto dallo Stato a tutti coloro che decidono di acquistare ed installare un sistema di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare per il miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti. In pratica all’acquirente viene riconosciuto un credito d’imposta ossia il vanta nei confronti dello Stato un credito che può essere utilizzato per compensare eventuali debiti nei confronti dell’erario, per il pagamento delle tasse. Nel caso del bonus acqua l’agevolazione è pari al 50% dell’importo massimo di 1.000€ nel caso di acquisti privati, o di 5.000€ nel caso di attività commerciali. Detto in maniera semplice, ad una famiglia che decida di acquistare un impianto del costo di 1.000€, lo Stato riconosce un credito di 500€. Se l’acquisto ha un valore di 2.000€, il bonus resta sempre di 500€. Per importi inferiori ai 1.000€, il bonus sarà pari alla metà del valore speso (se ho scelto un dispositivo del costo di 900€, la metà sarà restituita come credito d’imposta). Lo scopo di questo incentivo è quello di indirizzare il consumatore verso una scelta ecosostenibile a tutela dell’ambiente, nel rispetto dell’accordo firmato a Marzo 2022 durante l’Assemblea dell’Ambiente delle Nazioni Unite a Nairobi, alla base del quale c’è la direttiva europea 904, approvata in parlamento nel giugno 2019 e recepita dal governo italiano a novembre del 2021 che promuove la sensibilizzazione dei consumatori verso un uso più sostenibile dei prodotti in plastica.