Educare alla Bellezza

Frequentare concerti, borghi, musei e mostre, sono tra le esperienze che contribuiscono a costruire una personalità libera e curiosa verso il mondo e le cose

...non è mai troppo presto per educare alla Bellezza.

Il riposo estivo sia quindi l’occasione per farla incontrare anche ai nostri bambini. Andare per mostre e musei, girare per borghi antichi, frequentare concerti di classica o jazz, sono tra le esperienze che contribuiscono a costruire una personalità libera e curiosa verso il mondo e le cose.

Esiste anche una vasta letteratura di questo tipo, libri che raccontano ai bambini la Bellezza, utilizzando un linguaggio semplice ed immediato, a loro misura.

Il primo a parlare d’arte ai bambini fu Pinin Carpi che, nel 1973, crea per l’editore Vallardi un’intera collana volta ad avvicinare l’infanzia alle arti figurative. Si trattava di monografie in cui le immagini di grandi artisti venivano abbinate a racconti di alcuni scrittori. L’intuizione di Carpi fu quella di far diventare le tele di Matisse, di Picasso o di Mirò, “illustrazioni” a corredo del racconto, dando la possibilità ai bambini di “entrare” nel dipinto attraverso la storia dei suoi personaggi.

Questa operazione ha consentito ai piccoli fruitori di comprendere il messaggio artistico attraverso storie fantastiche e avvincenti, storie  che, come si leggeva nell’incipit di ogni volume in collana, “non ha scritto il pittore. Però la gente, i luoghi, le cose che esse descrivono li ha inventati lui, naturalmente dipingendo e disegnando”.

La collana di Vallardi, uscita fuori catalogo intorno agli anni novanta, è stata recentemente in parte ripubblicata dalle edizioni Piemme, un recupero prezioso per i bambini d’oggi.

Tra le pubblicazioni per ragazzi più interessanti in quest’ambito ricordiamo anche la collana “L’arte tra le mani” dell’editore Lapis, dedicata ai grandi maestri dell’arte moderna e contemporanea. Di arte contemporanea si parla anche nel volume illustrato di Gek Tessaro“La mostra in mostra. Viaggio nel dietro le quinte di una galleria d’arte contemporanea”, edito da Carthusia, un percorso alla scoperta di una galleria d’arte, delle persone che ci lavorano, di come si sceglie un artista, o come si progetta uno spazio..

Segnaliamo anche “Artebambini”, editore specializzato, il cui catalogo è composto esclusivamente da albi illustrati che “avvicinano all’arte in maniera ludica e confidenziale”.

Oltre alle arti figurative, gli editori per ragazzi prestano grande attenzione anche all’educazione musicale. Interessante la collana le “fiabe del jazz” dell’editore Curci, curata dal celebre autore Roberto Piumini e da Claudio Comini, che raccontano i grandi personaggi del mondo del jazz (da Duke Ellington a John Coltrane, da Louis Armstrong a Miles Davis) attraverso storie, il cui intreccio segue lo stile musicale di ogni artista... Di Curci anche le collane “Ma che musica!”, che propone una selezione di brani di classica e jazz da far ascoltare ai piccolissimi a partire dai primi mesi di vita e “Magia dell’Opera”, che introduce, grazie ai suoi quaderni operativi, bambini e ragazzi al mondo della lirica. All’Opera si è dedicato anche l'editore Nuages con albi dallo stile raffinato, dedicati a “La Traviata” di Giuseppe Verdi o “La Bohème” di Giacomo Puccini. Da segnalare, infine, sempre dedicato al mondo dell'Opera, il libro “Una sera prima della prima. L'opera Aida e la vita di un grande teatro raccontate ai ragazzi”, di Beatrice Masini con le illustrazioni di Giovanni Manna, edito da Rizzoli e realizzato in collaborazione con il Teatro alla Scala di Milano. Il testo, attraverso la narrazione dei fatti salienti dell'Aida, affidata ad una coppia di pennuti appostati sulla piccionaia (detto anche loggione) la sera prima della prima, diventa il pretesto per raccontare ai piccoli i segreti del teatro attraverso i luoghi e il dietro le quinte e per conoscerne i nomi in gergo tecnico.

Abbiate, dunque, l'ardire di raccontare la Cultura ai bambini, senza pregiudizi e senza confini, utilizzando strumenti che parlino loro con onestà e rispetto di ogni ambito del sapere.

Alcuni dei testi sopra menzionati saranno protagonisti della Rassegna “Bimbi all'Opera!”, una iniziativa organizzata in occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, per raccontare ai bambini il mondo dell'Opera.

Appuntamenti in Rassegna:

30 luglio h. 18 “Falstaff, un imbroglio d'amore” -

05 agosto h. 18 “La Traviata, una storia d'amore per tutte le età”

09 agosto h. 18 “Aida, l'amore oltre tutto”

(tutti gli appuntamenti, destinati a bambini da 6 a 10 anni, si svolgono presso la Scuola Materna S. Antonio di Bitonto).