Doctor Sleep – Stephen King 2014

“L’attesissimo seguito di Shining”

L’idea del romanzo è venuta a King dopo aver lanciato nei mesi scorsi un sondaggio dal proprio sito in cui chiedeva ai lettori se avessero preferito il sequel di Shining oppure un nuovo libro della serie Dark Tower. L’esito non ha lasciato dubbi: tutti aspettavano di conoscere la sorte del povero Dan. Da queste premesse nasce Doctor Sleep.

L’Overlook Hotel non esiste più. Raso al suolo da un incendio causato da una caldaia difettosa, l’albergo più inquietante della storia letteraria e cinematografica di tutti i tempi è ora soltanto un cumulo di cenere e macerie. In tre sono sopravvissuti al disastro: la moglie e il figlioletto del custode ubriacone Jack Torrance e il cuoco dell’albergo, Richard Halloran. In seguito all’esplosione i due adulti hanno riportato gravi ferite, mentre il bambino, illeso fisicamente, si è ritrovato con una psiche completamente devastata.

Doctor Sleep racconta cosa è accaduto dopo quell’esperienza terribile e narra la storia di Dan, il piccolo bambino che nel film di Kubrick vagava, smarrito, per i corridoi dell’Overlook, cercando di sfuggire alla furia di Jack.

Nel sequel ritroviamo il bambino che, salvatosi dalla pazzia del padre, combatte ancora con i demoni della sua mente: i maledetti fantasmi dell’Overlook che continuano a tormentarlo fino a farlo cadere nell’alcool e a imprigionarlo in una forma di depressione acuta.

Non è necessario aver letto Shining per farsi inquietare dalla lettura di Doctor Sleep, questo nuovo romanzo vive da sé grazie ai diversi temi che affronta: è soprattutto un libro sulla sensibilità che diventa condanna e sulle dipendenze, famiglia in primis. La scrittura di King è sempre avvincente e anche quando tende troppo alla suspense o al paranormale non perde mai di vista il pathos e l’aspetto umano.