Menopausa alle porte? Ecco come riconoscerla

Segnali e sintomi delle fasi della menopausa

Cari lettori e lettrici oggi introduciamo il discorso della menopausa entrando nei dettagli su quali siano i sintomi che precedono e caratterizzano l’insorgenza della stessa.

La menopausa insorge improvvisamente solo in una piccola percentuale di casi. E’ quasi sempre preceduta  da una fase definita premenopausa che si associa ad una sintomatologia piuttosto variabile.

La manifestazione più precoce è rappresentata dalle irregolarità mestruali che vanno dalla polimenorrea ossia la comparsa di mestruazione frequenti, alla oligomenorrea ossia mestruazione in ritardo sino a ipo e ipermenorrea, anomalie legate alla quantità del flusso mestruale.

In fase peri menopausale, ossia più vicini alla comparsa della menopausa, si verificano lunghi periodi di amenorrea (assenza della mestruazione) spesso interrotti da episodi di metrorragia ovvero cicli abbondanti.

Si parla di menopausa quando vi è l’assenza della mestruazione da almeno 12 mesi.

La diminuzione degli estrogeni, che a livello ormonale è caratteristica di questa fase naturale di ogni donna, può provocare alcuni disturbi e sintomi sia di natura neurovegetativa (vampate di calore, sudorazioni profuse, palpitazioni e tachicardia, sbalzi della pressione arteriosa, disturbi del sonno, vertigini, secchezza vaginale e prurito genitale), sia di natura psicoaffettiva (irritabilità, umore instabile, affaticamento, ansia, demotivazione, disturbi della concentrazione e della memoria, diminuzione del desiderio sessuale).

La più tipica manifestazione è la vampata di calore, che nonostante sia una tipica manifestazione della post menopausa, si verifica in circa 20% dei casi in donne ancora mestruate.

La vampata di calore consiste in un’improvvisa sensazione di calore che interessa la cute del viso, del collo e del torace. Può insorgere inaspettatamente in  modo irregolare e inaspettato in diversi momenti della giornata.

La vampata dura pochi minuti ed è accompagnata da sudorazione, palpitazioni ed è seguita da una profusa sudorazione.

Molte si chiederanno.. perché compare la vampata? Il meccanismo non è molto chiaro:è molto probabile che sia dovuta ad un’errata lettura della temperatura centrale e quindi la vampata miri a riportare la temperatura corporea in equilibrio con la nuova temperatura centrale.

La vampata, quando insorge di notte può determinare i disturbi del sonno o interruzione dl sonno. Ciò quindi è alla base o può peggiorare i sintomi neurovegetativi ossia ansia, irritabilità, astenia e modificazioni del tono dell’umore in senso depressivo.

La diminuzione degli estrogeni non agisce solo a livello dell’endometrio che diviene atrofico e a livello delle ovaie, che si riducono di volume, ma anche a livello dell’epitelio vaginale; ciò è responsabile di secchezza, bruciori vaginali e dispareuniacioè rapporti sessuali dolorosi a causa del restringimento del canale ostio vulvo-vaginale. Sono frequenti inoltre episodi di incontinenza urinaria e cistiti.

Nel prossimo articolo entreremo nel dettaglio di quelli che sono i sintomi e le complicanze della postmenopausa , indicando i rischi a lungo termine e le eventuali terapie.

Per qualsiasi dubbio o domanda non esitate a rivolgervi a rubriche@dabitonto.com.