Centri comunali di raccolta. L'opposizione: "A che punto siamo?"

Progetto finanziato con fondi europei nel marzo 2019

Stampa l'articolo

«A che punto siamo con la realizzazione dei centri comunali di raccolta?».

A chiederlo è la consigliera Carmela Rossiello (Forza Italia), interessata, durante l’ultimo consiglio comunale, a conoscere lo stato dell’arte di quell’infrastruttura, funzionale alla raccolta dei rifiuti urbani e all’incremento della raccolta differenziata, destinataria di finanziamenti per 300mila euro, provenienti dai fondi P0R Puglia 2014-2020 e ammesso con atto dirigenziale n.70 del 26 marzo 2019, nell’ambito di un progetto presentato dal Comune di Bitonto.

Una domanda che si era posto, il mese scorso, anche Francesco Natilla, a cui risponde direttamente il sindaco Michele Abbaticchio, riferendo che, ormai, si è al progetto definitivo: «A breve l’ufficio lavori pubblici procederà alla pubblicazione dell’appalto, per quanto riguarda il centro di raccolta di Bitonto, che partirà dopo l’avvio della gestione Sanb del servizio di igiene urbana e in corrispondenza dell’inizio del servizio porta a porta, entro l'anno».

Spetterà al consiglio comunale valutare, secondo il primo cittadino, se farla partire sull'intero territorio comunale o quartiere per quartiere, come ha optato Bari: «Dovremo combattere tutti insieme per vedere la città più pulita».

Mentre quindi, entro l’anno, ci sarà l’avvio del centro di raccolta bitontino, sempre secondo il primo cittadino, l’anno prossimo sarà il turno del centro di raccolta che sorgerà a Mariotto.