"I cani aizzati contri i migranti ricordano quelli contro gli ebrei"

Si è tenuto domenica il congresso cittadino dell'Anpi, che ha confermato la presidente Antonella De Napoli

Stampa l'articolo

La sezione bitontina dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia cconferma il mandato della presidente Antonella De Napoli, con il congresso che, il 21 novembre, si è tenuto nella Sala degli Specchi di Palazzo Gentile. Un congresso che, salvo qualche eccezione, ha sostanzialmente mantenuto anche i nomi scelti sin dall’istituzione della nuova sezione, nel 2019.

Dopo l'introduzione del professor Enzo Robles, il congresso si è aperto nel ricordo di Carla Nespolo, con le parole di De Napoli che ha ribadito la necessità di seguire la strada tracciata dall’ex deputata e presidente Anpi, quella del confronto con le altre forze democratiche, con l’associazionismo, con il volontariato laico e di ispirazione religiosa. Una strada che punta, per il presidente, ad affrontare i fenomeni di disgregazione coinvolgendo i territori: «A causa delle attuali emergenze della salute e del lavoro, sono a rischio le condizioni economiche e sociali e la stessa possibilità di riuscire a mantenere le promesse di uguaglianza e giustizia scritte nella costituzione. Questo richiede un sempre maggiore impegno diretto delle forze migliori della società, costruendo una larga unità popolare, dando vita ad una vera e propria nuova fase della lotta democratica e antifascista. L’Anpi non è la custode di una reliquia, ma un soggetto che fa tesoro della memoria, per intervenire nel, presente e disegnare il futuro. L’impegno dell’Anpi, oggi, è la grande alleanza democratica e antifascista».

A chiudere l’intervento del presidente, l’elenco delle iniziative promosse in questi due anni, dalle celebrazioni per il 25 aprile e del 2 giugno, alla raccolta firme contro la propaganda fascista e nazista e al patrocinio a sostegno del film sullo storico antifascista pugliese Gaetano Salvemini.

Le parole di De Napoli sono condivise da Rosaria Lopedote (Anpi – Bari) che ha sottolineato i rischi derivanti dal riemergere dei nazionalismi, che si manifestano soprattutto nella gestione dei migranti: «Quei cani aizzati contro i migranti ricordano quelli aizzati contro gli ebrei. Chi dice che il fascismo, oggi, non esiste, sbaglia o mente. Lo dimostrano anche le infiltrazioni squadriste nelle manifestazioni contro il Green Pass. C’è bisogno di tornare a parlare di pace e di sconfiggere l’ideologia della guerra».

Durante il congresso, sono intervenuti anche i rappresentanti delle principali forze politiche che si riconoscono nei valori dell’Anpi: Domenico Lovascio (Sinistra Italiana), Antonio Brancale (Partito Democratico), Emanuele Sannicandro (Iniziativa Democratica), Dino Tafuto (Rifondazione Comunista), Luca Matera (Partito Socialista Italiano). A rappresentare l'amministrazione, l'assessore Angela Scolamacchia.