Il Pd contro Daucelli. Sel difende il "suo" assessore: "Sono attacchi fantasiosi ed infondati"

"Il PD non riesce a perdonarci di essere stato parte attiva e trainante sin da subito nella indicazione della candidatura a Sindaco di Michele Abbaticchio ed elemento determinante nella successiva sconfitta politica ed elettorale del PD"

Stampa l'articolo

Dal circolo territoriale di Sinistra Ecologia e Libertà riceviamo e pubblichiamo.

"Le accuse all’assessore Daucelli su un suo presunto conflitto di interessi sono solo un miserevole pretesto per colpire l' eccellente impegno dell' assessore per la sua Città!
Il PD di Bitonto, con la sua denuncia infondata, tenta di screditare Michele Daucelli ed il valore del suo operato riconosciuto da tutti, il suo spirito di abnegazione, il quotidiano lavoro svolto con umiltà.

E’ evidente la malafede in questo attacco in quanto il PD ha molta esperienza in materia non avendo mai affrontato, né tantomeno risolto, il macroscopico conflitto di interessi del suo attuale principale alleato di governo a livello nazionale, un alleato a cui il PD ha sempre dato piena garanzia di "non intervento" su quegli affari che tanto hanno inquinato la vita politica italiana.

E a livello locale, come mai nelle precedenti amministrazioni il PD non si è accorto della esistenza di conflitti di interessi eclatanti? Come mai non li ha denunciati? Perché ha tenuto un tale comportamento omissivo?
Come possono gli attuali rappresentanti locali del PD denunciare oggi una fantasiosa ed inesistente incompatibilità, mentre in passato gli stessi, pur occupando posizioni politiche attive, mai si sono accorti della sussistenza di diversi casi evidenti di conflitto di interessi? Oggi si inventano un attacco su quello che fino a ieri non hanno mai visto nella sua evidenza?

Allora è proprio il caso di dire: "guarda da chi viene la predica"!

Come mai gli odierni sbandieratori del codice etico della "Carta di Pisa" non hanno mai sottoscritto lo stesso documento? Come mai alcuni di loro, pur essendo stati protagonisti dell'adesione ad Avviso Pubblico, hanno poi dimenticato di sottoscrivere la "Carta di Pisa"? Si tratta forse di dimenticanza oppure di omissione nell’impegno etico a denunciare i conflitti di interessi che non si volevano o potevano denunciare?

In ogni caso, aldilà di pretestuose e becere denunce le cui doglianze fanno acqua da tutte le parti, è doveroso soffermarsi sul fantomatico rapporto di lavoro che l' assessore Daucelli avrebbe avuto con l' Agente per la riscossione Ce.Ri.N.
E’ stata cercata un’interpretazione volutamente capziosa e letterale del punto b) dell'art.7 della carta di Pisa in quanto si è voluto a tutti i costi far emergere un senso normativo che ponesse in evidenza un inesistente conflitto d'interessi per attaccare un assessore dell'Amministrazione Abbaticchio che ha attuato moltissime ed importanti iniziative per la comunità bitontina.

La norma sbandierata stabilisce che sussisterebbe conflitto d'interessi laddove vi fossero “...preesistenti rapporti di affari o di lavoro con persone od organizzazioni specificamente interessate all'oggetto delle decisioni cui l'amministrazione partecipa anche nei casi in cui detti rapporti non configurano situazioni che danno luogo ad incompatibilità previste dalla legge o da altre norme...”.
Ebbene, nel caso specifico, l'incarico peritale svolto dal dott. Daucelli non è né un rapporto di affari né un rapporto di lavoro ma la sua natura è ben altra cosa in quanto “incarico peritale”,  svolto quale esperto in uno specifico settore, ovvero competente del ramo tecnico/scientifico pertinente alla causa.

L'unica accusa che si può dunque rivolgere all’assessore Daucelli è l'eccessiva dedizione e il senso di responsabilità che sempre ha offerto e offre per la sua città, senza mai anteporre al bene pubblico alcun interesse di qualsivoglia natura personale.

A scanso di qualunque equivoco e calunnia sul presunto conflitto d’interessi, non bisogna dimenticare che, conformemente al parere degli uffici comunali competenti, questa amministrazione ha inteso rifiutare una proposta di transazione da parte della Ce.Ri.N. per un vecchio contenzioso ed ha avviato inoltre alcuni nuovi contenziosi con la stessa azienda anche a tutela dei più deboli.

In tutta questa ipocrita e fantasiosa vicenda, così come in altri attacchi infondati montati ad arte e scagliati contro altri esponenti di SEL, la sola certezza che si riesce a cogliere è il disegno di un ATTACCO POLITICO al circolo SEL di Bitonto a cui evidentemente il PD non riesce a perdonare di essere stato parte attiva e trainante sin da subito nella indicazione della candidatura a Sindaco di Michele Abbaticchio ed elemento determinante nella successiva sconfitta politica ed elettorale del PD alle scorse elezioni comunali.

Il circolo territoriale di Sinistra Ecologia e Libertà non vuole più tollerare questi continui e infondati attacchi rivolti verso il proprio rappresentante politico presente in Giunta e per questo sta valutando con molta attenzione gli atti e le dichiarazioni fatte da alcuni esponenti della minoranza, sia in Consiglio comunale che a mezzo stampa, onde procedere alla tutela dell’assessore Daucelli in ogni sede competente".