Impianti sportivi. L'ingegner Dellorusso elenca quel che è stato fatto

"Non è vero che lo sport è fanalino di coda"

Stampa l'articolo

Dalla lunga lista delle opere illustrata dall’ingegner Paolo Dellorusso, abbiamo volutamente escluso gli interventi relativi all’impiantistica sportiva, all’origine della querelle che vede coinvolti il responsabile dell’Ufficio Lavori Pubblici, l’assessore Domenico Nacci e il sindaco Michele Abbaticchio.

«Fanalino di coda» secondo le accuse che aveva mosso Nacci. Ma non è così per Dellorusso, che, nella lunga lista fornita alla stampa, dedica una sezione particolare agli impianti sportivi, a partire dal campo sportivo di via Megra che, come ribadisce il sindaco, non era nei programmi. Grazie ad un finanziamento di 700mila €, ottenuto nell’ambito del bando “Sport e periferie”, e ad un mutuo di 570mila € tramite il credito sportivo, ci sarà l’adeguamento del terreno di gioco e dei servizi annessi alle normative antincendio e per il pubblico spettacolo, alle norme stabilite dal Coni e a quelle per la serie C. Ci sarà, infine, un ampliamento dei posti a sedere, con tribuna da 650 spettatori.

Per il campo Rossiello, invece, l’adeguamento dei servizi igienici e degli spogliatoi (30mila €), il ripristino delle torri faro per garantire adeguata illuminazione (10mila€) e la valorizzazione paesaggistica degli spazi polifunzionali tra il campo sportivo e la Lama Balice (689mila €). Ultimato, invece, a ottobre 2020, il rifacimento completo del terreno di gioco con erba sintetica (576mila €).

Interventi di manutenzione di spazi e servizi saranno avviati, da gennaio 2022, anche al campo sportivo di Palombaio (10mila €). Interessati da lavori pubblici anche il campo di basket e lo skatepark di via Berlinguer, mentre al Paolo Borsellino, a ottobre, è stata rifatta la pavimentazione (20mila €).

Per la piscina comunale, poi, nel luglio 2020 sono stati ultimati i lavori di rifacimento completo del guscio di copertura e la sostituzione del lucernario (311.500 €). Saranno realizzati altri interventi vari, che comprendono anche l’area a verde della pista di atletica, grazie alla collaborazione di Legambiente.