Inquinamento atmosferico, Ruggiero (M5S): “Puglia maglia nera fra le Regioni del Sud per mortalità”

La deputata bitontina: “Necessario intervenire con misure drastiche finanziate con il Recovery Fund”

Stampa l'articolo

“La Puglia ha la più alta percentuale di morti attribuibili all’inquinamento atmosferico da PM 2,5 fra le Regioni del Sud Italia. Il quadro è allarmante. Per questo dobbiamo intervenire con misure ancora più drastiche finanziate con il Recovery Fund”. Così la deputata bitontina Francesca Anna Ruggiero (M5S). “Secondo – continua – gli ultimi dati diffusi dall’Agenzia Europea per l’Ambiente e relativi al 2018, in Puglia la percentuale di morti premature dovute all’inquinamento atmosferico da PM 2,5 rispetto al totale dei decessi si attesta all’8,3%. Guardando ai dati territoriali, la provincia peggiore è la BAT con una percentuale dei decessi attribuibili a PM 2,5 pari al 9,4%, seguita da Bari con il 9%, Lecce con l’8,7%, Brindisi con il 7,8%, Taranto con il 7,5% e Foggia con il 7,2%. Secondo questo dato, la Puglia è la peggiore fra le Regioni del Sud e le Isole, seguita dalla Campania con l’8,1%, Sicilia e Abruzzo con il 6,6%, Calabria 6,4%, Basilicata e Sardegna con il 5,5%, il Molise con il 5,3%. Di qui la necessità di mettere in atto, anche con la collaborazione della Regione Puglia, tutte le misure opportune per ridurre l’inquinamento e tutelare la salute dei cittadini” conclude la deputata.