"La civica “Governare il futuro” e "Italia in Comune" sono due soggetti politici distinti"

Lo dichiara il responsabile del direttivo della lista, l'avvocato Vito Desantis. Che aggiunge: "Solo i due consiglieri comunali Rucci e Ciminiello hanno fatto domanda di tesseramento al partito del sindaco"

Stampa l'articolo
CHIARIMENTI DIRIMENTI Si rende necessario, dopo aver letto sul Da Bitonto un articolo a firma del giornalista dott. De Palma, specificare e puntualizzare alcuni passaggi e considerazioni. Il Direttivo della civica “Governare il futuro”, otto mesi fa circa decideva di federarsi con il partito “Italia in Comune” Sez. A. Moro di Bitonto dopo diversi e proficui colloqui con il Sindaco, al fine di creare un percorso comune che guardasse con ottimismo al futuro politico ed amministrativo di Bitonto. Tanto è vero che si decise di entrare in amministrazione comunale senza alcun specifico incarico di gestione se non quello di collaborazione. A questa iniziativa aderì anche il consigliere comunale Dino Ciminiello con il suo gruppo che nel mentre si era affiancato alla nostra lista civica. Si decideva altresì di creare un unico gruppo consiliare prima delle elezioni europee e prima ancora che il Sindaco decidesse di candidarsi. La federazione oltre alla cura dell'attività amministrativa, doveva curare anche l’aspetto politico con nuovi organi statutari da crearsi nel rispetto dello statuto nazionale del partito “Italia in Comune”. Sta di fatto però che dopo numerosi incontri tesi alla creazione del detto statuto e di un unico direttivo snello e virtuoso, l’iniziativa si è arenata al punto che il progetto iniziale non è più decollato. Oggi quindi le decisioni dei due partiti sono separate ed autonome, a volte convergenti ed a volte anche distanti. Quindi non vi sono fibrillazioni, come ipotizzato dal giornalista, ma vi è solo un progetto non più realizzato. Ne consegue che nessuno della civica ha chiesto di tesserarsi al partito di “Italia in Comune” salvo i due consiglieri comunali (Rucci-Ciminiello), i quali al solo fine di costituire il gruppo consiliare hanno presentato domanda di tesseramento. La speranza è che nel prosieguo dell’attività politica ed amministrativa, i soggetti preposti alla gestione riescano a fare sintesi per ridare vigore alla originaria iniziativa. Gli unici che si sono prodigati unitamente allo scrivente ed al direttivo di “Governare il futuro” sono stati il Sindaco dott. Michele Abbaticchio ed il coordinatore dott. V. Gesualdo ai quali va tutta la nostra attenzione e stima nonostante il fallimento della iniziativa. Tanto per la chiarezza che ci contraddistingue.