Radio Radicale, Ruggiero (M5S): "Inaccettabile spendere altro denaro pubblico per una radio privata"

La deputata bitontina: «Negli anni l’emittente ha ricevuto 250 milioni di euro. Nel frattempo ci sono settori che hanno urgentemente bisogno di risorse»

Stampa l'articolo

«È inaccettabile continuare questo sperpero di denaro pubblico quando ci sono settori che hanno urgentemente bisogno di risorse». È il commento della deputata Francesca Anna Ruggiero (M5S), componente della Commissione Finanze della Camera dei Deputati, a proposito dell’emendamento al Dl Crescita con cui sono stati stanziati 3 milioni a vantaggio di Radio Radicale. «È una proposta del Pd renziano, che ha raccolto il favore anche di Lega e Forza Italia, mentre noi abbiamo votato contro».

«Nel corso degli anni – continua – Radio Radicale, una radio privata, ha percepito 250 milioni di euro di finanziamento pubblico. È incredibile che Pd, Forza Italia e Lega continuino a sostenere questo tipo di politica. Soldi pubblici dati ad una radio che ospita anche giornalisti con stipendi da capogiro da 100 mila euro l’anno».

«La nostra soluzione – incalza la deputata – era differente: finanziare la conversione in digitale e la conservazione degli archivi multimediali, fino ad una spesa massima di 1 milione di euro nel triennio. L'emendamento proposto dalle opposizioni ha disposto invece di erogare altri 3 milioni di euro nel solo 2019 ad una radio che ne riceverà già 9 quest'anno».

«Intanto si continua a lavorare sul Decreto Crescita. Nel provvedimento abbiamo previsto circa 2 miliardi per le imprese, la riduzione progressiva dell’Ires per le aziende e deducibilità dell’Imu sui capannoni (fino al 70%), incentivi fiscali per i ricercatori e i lavoratori che rientrano dall’estero e agevolazioni per i condomini che sceglieranno di riqualificare dal punto di vista energetico il loro edificio».

«Tutte misure – conclude la Ruggiero – che sono a vantaggio di tutta la collettività e non di pochi privilegiati, come avvenuto nel caso di Radio Radicale».