BASKET - Vittoria al cardiopalma per la Virtus Bitonto

Le V nere vincono al termine di un overtime

Stampa l'articolo

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO


Dopo due sconfitte che lasciano l'amaro in bocca, la Virtus Bitonto torna alla vittorianella gara interna col New Bk Barletta. Per decidere la gara tra le due formazioni è stato necessario un tempo supplementare, ad uscirne vittoriosa è la voglia della Virtus di continuare a disputare un campionato di vertice.

Coach Caressa si affida a Fanelli ad orchestrare il gioco, Sannicandro e Chieco come esterni, Piscopo e Bellino sotto le plance.

L'avvio di gara è favorevole agli ospiti che spinti da Mele e Rotondo mettono subito la freccia del sorpasso e costringono le V nere ad inseguire. Dopo 5' di buio totale in casa Virtus, i padroni di casa si rialzano soprattutto grazie alla precisione dall'arco dei 6,75 di Sannicandro. E' l'esterno bitontino a suonare la carica per i suoi e ad evitare che il passivo da recuperare diventi troppo. Alla prima sirena il punteggio è di 12 – 21.

Nel secondo periodo la musica cambia, è la Virtus a fare la partita. L'ingresso in campo di Carone da nuova verve ai padroni di casa che a poco a poco si riavvicinano agli avversari. Il play bitontino si mette in mostra sia in fase offensiva con 7 punti nel quarto, sia in fase difensiva, annullando completamente Capuano che vittima della frustrazione e del nervosismo, ricorre, senza successo, a metodi poco ortodossi per superare le maglie difensive dei padroni di casa.

Alla sirena lunga il vantaggio ospite è completamente dilapidato, si va al riposo sul 30 – 32.

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia, Coach Caressa per mettere ulteriormente in difficoltà il Barletta escogita una difesa Box and 1. La scelta dell'allenatore virtussino si rivela azzeccata e le manovre degli avversari sono sterili e si infrangono sul muro difensivo della Virtus. Dall'altro lato a caricarsi la squadra in fase offensiva è ancora Carone, questa volta coadiuvato da Bellino e Tiani. I tre bitontini mettono a referto un parziale di 8 – 0 che regala alla Virtus il maggior vantaggio da inizio gara. Visto l'andazzo del 3° periodo la gara sembra essersi indirizzata nel verso giusto, le V nere si affacciano all'ultimo periodo con il tabellone luminoso che segna 49 – 44.

Quando le cose sembrano andare per il meglio, come spesso accade, i ragazzi bitontini si rilassano e subiscono un calo di tensione. Ad approfittarne è subito il Barletta che guidato da uno scatenato Spera piazza un parziale di 8 – 0 che spezza le gambe alla Virtus, che in un amen si ritrova a dover nuovamente inseguire gli avversari, con il cronometro che scorre inesorabile.

Quando mancano 60 secondi al termine della partita il punteggio è di 58 – 61. Le V nere cercano in tutti i modi di riagguantare gli avversari. Dopo il tiro libero sbagliato da Di Leo, la Virtus ha la possibilità di organizzare l'ultima azione e di cercare il pareggio. Palla in mano a Carone che batte l'uomo e scarica su Sannicandro che spara dalla lunga distanza senza fortuna, sembra essere tutto finito ma il rimbalzo viene conquistato da Piscopo che affida il pallone a Fanelli, il quale a sua volta tenta la tripla del pareggio, ma il pallone ancora una volta si spegne sul ferro, dal nulla sbuca Tiani che conquista ancora un rimbalzo offensivo, la palla arriva a Carone che spara nuovamente dalla distanza, ma ancora una volta senza fortuna, sembra essere davvero tutto finito, il rimbalzo viene conquistato da Mele, ma quando tutti sembrano aver perso le speranze, Piscopo con un guizzo tocca il pallone all'esterno avversario permettendo a Carone di riconquistare la sfera, il play bitontino affida le speranze delle V nere a Sannicandro che, piedi a terra, lascia andare il pallone. Tutta la palestra segue le sorti del pallone che contemporaneamente al suono della sirena si insacca nel canestro e regala il pareggio alla Virtus per 61 - 61.

Sulle ali dell'entusiasmo per l'insperato pareggio, inizia il tempo supplementare, ad avere le redini del gioco è la Virtus che sospinte ancora dalla precisione dell'arco dei 6,75 di Sannicandro si porta subito in vantaggio, sono poi Tatulli e Lillo a congelare la vittoria dalla linea del tiro libero, fissando il punteggio sul 66 - 64.

Migliore in campo per la Virtus è Antonio Carone, il play bitontino si è distinto per tutto l'arco della partita e nonostante l'opaca prestazione dei suoi compagni è riuscito a condurre i suoi alla vittoria.

Il prossimo appuntamento per i tifosi Virtus è per Domenica 23 Febbraio alle ore 20:30 al Palamarchiselli di Barletta, data in cui la Virtus Bitonto affronterà la Virtus Barletta, fanalino di coda del campionato di promozione.

Sorriso Chieco - Addetto stampa A.S.D. Virtus Bitonto