Bitonto-Foggia, le pagelle. Lomasto è un gigante, grave ingenuità di Biason

La difesa si conferma imperforabile, stenta l’attacco anche per colpa di una manovra poco fluida

Stampa l'articolo

 

FIGLIOLA 6.5 - Il portiere meno battuto d’Italia e d’Europa aggiunge un altro clean sheet alla sua straordinaria stagione. Efficace tra i pali, è ormai diventato una sicurezza anche nelle uscite. Baby Buffon.

 

TERREVOLI 5.5 - Sente un po’ troppo la pressione della grande sfida e la sua prestazione non è gagliarda come quelle a cui ci ha abituato quest’anno.

 

COLELLA 6.5 - Dopo i 35’ col Grumentum si riprende definitivamente la scena spegnendo sul nascere qualsiasi velleità offensiva foggiana. Colonna della difesa.

 

MARSILI 6.5 - Nella partita più rude e maschia dall’inizio del campionato non poteva ritagliarsi un ruolo da comprimario. È decisamente il più in palla di tutta la mediana neroverde, la sua garra viene sacrificata da Taurino nel tentativo di sbloccare il match in superiorità numerica (dal 28’ st VACCA 6 - si guadagna la sufficienza ma da lui ci aspettiamo tutti un salto di qualità. Avrà una chance importante domenica contro la Fidelis Andria vista la squalifica di Biason).

 

LOMASTO 7.5 - Paga almeno 20 cm nei confronti di Iadaresta ma il vero gigante è lui. Sempre attento su ogni lancio rossonero, è il vero baluardo - oltre che simbolo - della retroguardia neroverde. Migliore in campo per distacco.

 

GARGIULO 6.5 - Altra bella prova dell’under campano che ha scalzato la concorrenza guadagnandosi a suon di ottime prestazioni i gradi da titolare. Non si scompone mai, sfiora anche la rete e non teme il confronto con Gentile che prova a farsi vedere, senza grossi risultati, dalle sue parti.

 

LATTANZIO 5.5 - Soffre, come il suo compagno di reparto, la manovra poco fluida della squadra e non incide, anche se crea i presupposti per far male nel secondo tempo con un bel cross radente che attraversa tutta l’area di rigore. Domenica, contro la squadra della sua città, dovrà caricarsi sulle spalle l’attacco neroverde orfano di Patierno.

 

BIASON 5 - La prestazione è sufficiente, come sempre, ma la grave ingenuità alla fine della partita gli costerà una squalifica assolutamente evitabile. Errore da matita blu per un leader come lui.

 

PATIERNO 5.5 - Era l’uomo più atteso della contesa, non solo dagli addetti ai lavori ma anche dagli avversari. Il fallaccio di Viscomi dopo un giro di lancette gli dà il benvenuto in un match in cui non riesce mai ad affondare come vorrebbe. Diffidato, si becca il giallo che gli costerà la partita di domenica contro la Fidelis Andria

 

PIARULLI 6 - Ha sui piedi la palla gol più importante della partita ma non riesce a scavalcare Fumagalli col pallonetto. Non si scompone mai davanti al pressing forsennato della mediana foggiana, una prova che conferma la sua crescita

 

TURITTO 6 - Partita senza infamia e senza lode per l’esterno sinistro barese, ottimo in fase difensiva ma meno propositivo del solito davanti.

 

MISTER TAURINO 6 - Prepara la squadra per la guerra e i ragazzi dimostrano di saper usare bene la sciabola, peccato per l’espulsione parsa davvero eccessiva.