CALCIO A 5 - Il Bitonto non si ferma. 5-2 a Monte Sant'Angelo

Sono tre su tre per i neroverdi, che superano in trasferta i garganici e restano al primo posto a punteggio pieno dopo tre giornate

Stampa l'articolo

Un’altra prova di forza e di qualità per tenere il passo in testa alla classifica a punteggio pieno.

Non conosce ostacoli la corsa del Futsal Bitonto, che torna vittorioso dalla insidiosa trasferta sul Gargano di Monte Sant’Angelo, battuto per 5-2: un successo costruito nella prima frazione di gioco grazie alla doppietta di Decillis e alla rete di Barbosa, e consolidata poi nella ripresa con i sigilli di Zerbini e Lorusso. È stata una gara mai in discussione, controllata con astuzia, intelligenza, esperienza e qualità da un Bitonto solido e quadrato, che ha concesso qualcosa soltanto nell’ultimo quarto di match, complici probabilmente le fatiche dei tanti impegni ravvicinati e l’ampio e rassicurante margine di vantaggio nel punteggio.

Sul promontorio di Puglia, dunque, è un sabato pomeriggio all’insegna di due numeri per i bitontini: il cinque ed il tre: cinque come i gol messi a segno e come le vittorie consecutive che descrivono il percorso netto di questo avvio di stagione. Tre come le vittorie in campionato, che issano il Bitonto in testa alla classifica alla pari dell’Itria Football Club, a punteggio pieno. È un Bitonto dunque che vola col vento in poppa e a vele spiegate, e cresce partita dopo partita nell’entusiasmo, nelle proprie consapevolezze e nelle intese in campo tra i suoi protagonisti.

La partita. Orfano dell'infortunato Palermo, mister Pietro Di Bari parte col quintetto formato da Ritorno, Zerbini, Tarantino, Barbosa e Lovascio. Dalla panchina, Schettini, Lorusso, Orlino, Acquafredda, Satalino, Santoruvo e Decillis.
L'avvio è di marca neroverde, con il sinistro di Zerbini parato dalla mano aperta del portiere di casa in angolo. Pochi secondi dopo ed è Tarantino a sfiorare la rete, ma il suo destro in corsa si spegne di poco sul fondo.
È il preludio al goal del vantaggio che giunge al 5’, grazie all'asse tutto brasiliano Zerbini - Barbosa, col primo che apparecchia ed il secondo che col piattone in area fa 0-1.

I padroni di casa accusano il colpo ed al 9’ capitolano ancora grazie al sigillo di Decillis, che si fa trovare pronto sul secondo palo per spedire in rete il passaggio da angolo di Lorusso, per il raddoppio Bitonto.

Doppio vantaggio che dopo soli tre minuti incrementa ancora con lo stesso Decillis, che ribatte in rete il cross di Lorusso per lo 0-3 Bitonto all'intervallo.

La ripresa si apre ripercorrendo lo stesso canovaccio del primo tempo e dopo cinque minuti è Lovascio a provarci dal limite, ma il suo destro è parato dal portiere.
Un minuto più tardi il Bitonto cala il poker: Orlino si lancia in area di rigore, ma al momento della conclusione, viene spinto da un avversario. Per il direttore di gara è rigore e dal dischetto Zerbini spiazza l'estremo di casa e fa 0-4 per il Bitonto.
Col largo vantaggio acquisito, il Bitonto cala la concentrazione e lascia spazio agli avversari che, dopo essersi visti negare la gioia della rete dalla prodezza di Ritorno, trovano la loro prima marcatura sfruttando la statica difesa neroverde da calcio piazzato battuto dalla destra. 1-4.

Il goal segnato galvanizza i padroni di casa che in tre minuti colpiscono due pali e falliscono un goal clamoroso a porta vuota.

I pericoli corsi scuotono il Bitonto che al 35' rimette le cose in chiaro con Lorusso, che sfrutta un errore dei padroni di casa, schierati col quinto uomo di movimento, per depositare in rete a porta sguarnita la palla del 5-2 neroverde.

L'ultimo sussulto del match è dei padroni di casa, che a dieci secondi dal termine mettono a segno la loro seconda rete, ribattendo in rete il tiro libero respinto da Ritorno.
Al fischio finale è 2-5 per il Bitonto che si prende ancora una volta la vetta della classifica, in coabitazione dell’Itria, ed attende ora in casa il Volare Polignano sabato prossimo. Sarà fondamentale il fattore campo e la spinta del “Pala Borsellino” per continuare a non mollare nessun centimetro.