CALCIO A 5 - Manita al Fasano, e la Polisportiva Five femminile si chiude con un sorriso un po' (troppo) amaro

Cinque reti all'ultima in classifica. Ma per i playoff si devono sperare nei regali altrui

Cinque reti per chiudere con un sorriso la stagione. Ma amaro, pesante da digerire e pieno di interrogativi per il futuro.

 

La Polisportiva Five femminile, nell’ultimo appuntamento della stagione, ha fatto il suo (facile) dovere sbarazzandosi dell’ultima forza della categoria, il Fasano, ha rafforzato la sua posizione, la sesta, ma per i playoff deve sempre sperare nel miracolo che le dovranno regalare da Taviano. Che, domenica prossima affronterà l’Altamura, secondo, e 10 punti avanti, nello scontro che vale davvero tanto.

Concentrandoci sul presente, però, al “Paolo Borsellino” è filato tutto liscio come l’olio. E ci mancherebbe altro, aggiungiamo.

La contesa si è decisa nei primi minuti di gara. Le leonesse hanno mostrato subito grinta e carattere, con la palla che girava. Il vantaggio è di Renata Caputo, con un gran tiro da fuori. Il raddoppio è arrivato con Valeria Valenzano che sola davanti al portiere si fa prima ribattere la conclusione ma poi non ha lasciato scampo sul secondo tentativo. Dopo la rete annullata ad Alessandra Tempesta, ci ha pensato l’altra Valeria, Baldari, a siglare il 3-0 con un coast to coast in solitaria con cui si è concluso il primo tempo.
La ripresa ha avuto la stessa storia. Il dominio è neroverde ed è ancora Valenzano a fare poker, che tocca quota 25 in un Campionato che l’ha vista degna protagonista. La manita è firmata dal capitano, Annamaria Cortese, che mette (momentaneamente?) i titoli di coda a una stagione su cui sarebbe un peccato non analizzarla nei minimi dettagli, soprattutto da gennaio in poi.