CALCIO A 5 - Polisportiva Five Bitonto femminile. La malattia è sempre la stessa: perdere punti per strada

Ieri pomeriggio, a Canosa, soltanto un punticino per le leoncelle, che hanno impattato 2-2

Un pareggio che sa di brodino insipido. Un punto che profuma di ennesima occasione gettata alle ortiche. Una “x” che conferma che il problema vero della stagione è la continuità.

La Polisportiva Five Bitonto femminile ci ricasca ancora, insomma, dimostrando che questo 2019 è un anno complicato, di non essersi messa alle spalle le malattie che l’hanno colpita negli ultimi due mesi, e di non avere ancora abbracciato quell’esperienza tale da evitare i troppi punti persi per strada.

Già, perché le leoncelle di Roberta Varano sono sicuramente la compagine dei regali non dovuti e dei doni lasciati in beneficenza.

 

 

Prendete, ieri, per esempio. Era in programma la giornata numero 22, quella che ha incoronato il Taranto campione della categoria e promosso in B2 con 240’ di anticipo dopo una cavalcata portentosa.

Le nostre ragazze erano impegnate a Canosa nell’affrontare, per la quarta volta in Stagione, l’Asd Pink Futsal, penultima forza del Campionato e distante 19 punti dalle bitontine.

Annamaria Cortese e compagne tornano a casa con un punticino, un 2-2 firmato Valeria Valenzano e Renata Caputo, tornata a segnare dopo la semifinale di Coppa Italia e le quattro giornate di squalifica che l’hanno appiedata.

Il brodino di ieri non pregiudica la posizione nei playoff – è sempre quella, la sesta – ma quello era l’obiettivo minimo stagionale, vista anche la qualità della C1 di quest’anno. È fondamentale, però, cercare di arrivare il più avanti possibile (Molfetta è a +7, Altamura +6, Sava +5, Bisceglie +4), ma andando sempre sull’altalena è complicato pensare di farlo.

 

 

Domenica giornata numero 23. E avversario di turno sarà il Sirio, sest'ultimo.