CALCIO - Esordio amaro per l'U.S. Bitonto in Coppa Puglia

Neroverdi battuti di misura dal Giovinazzo

Stampa l'articolo

Un Bitonto abulico ed ancora lontano dalla miglior condizione stecca la prima gara ufficiale della stagione, e deve lasciare il passo al Giovinazzo.

Termina 1- 0 per i biancorossi di mister Tommaso Liddi l'andata del primo turno di Coppa Italia Promozione, un risultato che lascia comunque ancora tutto in equilibrio in vista del ritorno del 19 settembre al "Città degli Ulivi". 

Al di là del risultato, comunque, il primo U.S. Bitonto targato Muzio Di Venere è rimandato: troppi giocatori fuori forma, scarsa cattiveria, poca fluidità e poca coralità di manovra, troppe facce nuove (e giovani) da amalgamare rispetto all'anno scorso. Risultato, purtroppo, nessun tiro in porta in tutta la partita e Giovinazzo che, senza fare niente di trascendentale, porta a casa il match.

Sul neutro di San Pio, il primo 11 della stagione parte con il 4 – 3 – 3. Piscopo tra i pali; difesa con Rizzi, Bonasia, Zaccaro, Roselli; centrocampo Piperis, Foggetti, Sangirardi, in avanti De Palo, Modesto e Belviso.

Il primo tempo ha poco da dire. Il Bitonto, con più qualità dell'avversario, prova timidamente a fare la partita, a non dare punti di riferimento in attacco, ma la manovra è soporifera e le uniche conclusioni sono di De Palo e Belviso. Grande sussulto invece al 37', quando l'ex Modugno Di Bari è bravissimo a distircarsi centralmente in area e a calciare, ma coglie una clamorosa traversa a Piscopo superato. Dall'altra parte, invece, una conclusione da fuori di Foggetti crea il panico in area giovinazzese.

La ripresa è sulla stessa lunghezza d'onda del primo tempo. Tanti errori da una parte e dall'altra, ritmo lentissimo e nessun tiro in porta. Lo 0 – 0 sembra assicurato, ma la difesa del Bitonto decide di fare una figura barbina e di regalare il successo ai padroni di casa: è il 21' quando Piscopo e Zaccaro non si intendono e si scontrano, l'estremo difensore perde palla e per Roselli è un gioco da ragazzi depositare in rete. I neroverdi non reagiscono e sono i biancorossi ad andare vicini al raddoppio con Camporeale (34'), ed ancora con una incomprensione tra Piscopo e Zaccaro (37').

E' l'ultima emozione di una partita che non sarà ricordata tra le più belle della storia del calcio. E dalla quale esce un Bitonto che può e deve soltanto migliorare e crescere.

Domenica, frattanto, è già campionato, e il primo impegno sarà in quel di Rocchetta sant'Antonio, nel foggiano, contro il Celle San Vito. E per la stagione che sta per iniziare la società neroverde ha messo a punto gli abbonamenti. Il prezzo è di 50 euro per la tribuna laterale, 80 euro per quella numerata. Per l'acquisto rivolgersi al “Bar Ritual” in via Verdi, punto scommesse “Betuniq” in via Ludovico D'Angiò, campo comunale di via Megra, sede “U.S.D. Città di Bitonto”, via Garibaldi.