CALCIO – L’U.S. Bitonto supera l’esame Cellamare e resta in vetta alla classifica

Nel big-match dell’ottava giornata, i neroverdi vincono in rimonta per 3-2

Stampa l'articolo

U.S. Bitonto – Cellamare è la partita delle “prime volte”. I primi gol subiti dalla capolista a domicilio. La prima volta di un successo in rimonta (anzi, doppia rimonta). I primi centri stagionali di Nico Roselli e Lazzaro Lomuscio. La prima volta (e che prima volta) di Massimo Aloisio che, dopo un lungo infortunio, ha fatto il suo esordio stagionale rimpiazzando a fine primo tempo Roselli. Ebbene, il centrocampista non ha fatto rimpiangere il fantasista ex Terlizzi e Monopoli disputando una partita gagliarda, tosta, entrando in due delle tre marcature dei padroni di casa.

La gara delle “prime”, insomma, sorride alla capolista che batte 3 – 2 il Cellamare nel big match dell'ottava giornata di Promozione, spedisce la squadra di Fumai a – 6 ( terza, in compagnia di Corato e Modugno), resta in vetta con lo Sporting Altamura a 22 punti, e supera con pieno merito la prova della maturità. Dimostrando di essere più forte degli avversari sotto il profilo della manovra, del carattere e della qualità.

Migliore in campo Matteo Naglieri, classe '95, ostacolo insuperabile per gli avanti gialloneri e concentrazione da vendere nonostante il grave lutto che lo ha colpito ieri. Promossi con merito anche Michele Piperis e Roselli.

La partita. Per la sfida al vertice, mister di Venere ha tutti a disposizione. Rientrano Foggetti (ma in panchina per tutta la gara) e Roselli. La formazione ha il collaudato modulo 4 – 2 – 3 – 1. Il primo tempo è intenso e vibrante con la prima emozione già al 4' con Lattanzi costretto ad anticipare Fanfulla lanciato a rete. È il Bitonto a fare la partita, ma i tentativi di Roselli e Lomuscio sono vani. Fa male, invece, al 17' il bolide da oltre 20 metri di Summaria che non lascia scampo a Lattanzi. Ma al 22' è già 1 – 1 con Roselli che batte Ritorno con un potente tiro sotto la traversa da centro area. 60” dopo, Summaria ci riprova da fuori, ma questa volta è il palo a dirgli di no.

La traversa nega il gol anche a Lomuscio, che al 26' è sfortunato dopo una travolgente azione personale. A cavallo della mezz'ora ci prova anche Modesto, senza fortuna, mentre sull'altro fronte Fanfulla fa la barba al palo con un tentativo non forte ma ben angolato. A fil di thè caldo, il Cellamare torna in vantaggio con una conclusione  da fuori di Terrevoli che sorprende ancora Lattanzi e va al riposo avanti di una rete.

La ripresa è solo a tinte neroverdi, con Modesto e compagni stabilmente nella metacampo avversaria e padroni del gioco e del centrocampo, mentre il Cellamare si assopisce. Al 3' è pareggio con Terrone che, da grande rapace, approfitta di una palla vagante in area e insacca il 9° centro in campionato.

Al 18' Modesto spreca gettando addosso al portiere una grande azione di Aloisio. Due minuti dopo una gran conclusione a volo di Bonasia, su angolo dalla destra, colpisce il palo con Lomuscio che sbaglia il tap – in sottoporta. Ma si riscatta tre minuti dopo, siglando da pochi passi la terza rete per i padroni di casa dopo un'azione sviluppatasi sulla sinistra da Terrone e mancata inizialmente da Aloisio prima e Modesto poi. È il gol vittoria, visto che Terrone evita il poker calciando sul palo a porta sguarnita e portiere fuori causa al 39'.

I neroverdi volano, e domenica faranno visita alla Real Bat, impelagata nei bassifondi della classifica.

La juniores. I neroverdi sorridono anche con la juniores, che nell'esordio di sabato hanno battuto 4 – 3 il Bisceglie. Partita tutta grinta dei giovani leoni guidati da mister Piperis, che hanno la meglio con le reti di Caiati, Valentini, Mileto e Rana. Prossimo impegno sabato in casa della Fidelis Andria.

I tifosi. Il gruppo “Quei vecchi ultras del... 1921”, annuncia, frattanto, che da domenica seguiranno live, dalla propria pagina Facebook, le gesta dei neroverdi. «Ce lo chiedono i bitontini che sono fuori», spiegano i supporters.