CALCIO - Taranto-Bitonto, le Pagelle. Bene Figliola e Biason, migliore in campo Turitto. "Promosso" Pizzulli

Bella prestazione anche dei centrali difensivi. Capitan De Santis al di sotto delle aspettative

Stampa l'articolo

Figliola VOTO 7: Ottima prestazione del portierino neroverde che chiude la saracinesca ed impedisce al Taranto, in almeno due circostanze, il gol del raddoppio nella prima mezz’ora di gioco. Sicuro anche nelle uscite e sui numerosi corner, davvero una bella sorpresa.

Terrevoli VOTO 6.5: Travolto per buona parte della prima frazione si riscatta con un grande secondo tempo dove alterna buone chiusure ad inserimenti offensivi pungenti.

Montanaro VOTO 6: Stesso giudizio di Terrevoli, mezzo voto in meno perché a differenza del compagno di reparto è più timido nelle sgroppate offensive.

De Santis (c) VOTO 5: È l’azzardo di Pizzulli, e si vede, perché non è al top della condizione fisica. Un tempo in costante affanno, in balìa della cerniera di trequartisti avversaria. Si rifarà, ma ha necessità di crescere fisicamente prima di essere riproposto (5’ st Camporeale VOTO 7: Non sarà bello da vedere, non sarà graziato nei movimenti, ma è terribilmente efficace, sia in fase offensiva con continui inserimenti, sia in fase difensiva con ottimi ripiegamenti, in particolare uno su Ancora al limite dell’area neroverde. Fa ripartire costantemente l’azione offensiva, il suo ingresso dà la scossa a tutta la squadra, bravo).

Montrone VOTO 6.5: Come tutta la squadra soffre l’arrembante inizio dei delfini rossoblu, poi si riprende alla grande ed alza un muro invalicabile per gli avanti tarantini. Una sicurezza.

Di Bari VOTO 6.5: Stesso identico giudizio del suo compagno di reparto Montrone. Dalla tenuta di questa diga difensiva dipenderenno le fortune dei neroverdi.

Zaccaria VOTO 6: Cresce col passare dei minuti, garantisce continuità di azione per buona parte della partita anche se con qualche confusione di troppo. Crescerà e maturerà gara dopo gara, ma è assolutamente promosso.

Biason VOTO 7: Di un altro passo, di un’altra categoria. Il toro argentino non perde mai la barra di comando, nè quando agisce da mezzala, nè quando si piazza davanti alla difesa a dettare ritmi e tempi. Tanta qualità, tanta sostanza, sarà il porto sicuro nei momenti difficili della stagione.

Patierno VOTO 6: Meriterebbe almeno un voto in più per la sua generosità, per il grandissimo lavoro sporco tra i centrali tarantini e per il fatto che tiene da solo l’attacco neroverde da grande leone. Ma tanto sacrificio e spirito di abnegazione gli fanno perdere lucidità davanti alla porta e le due grandi occasioni ciccate (clamorosa la prima in chiusura di prima frazione) gridano vendetta.

Lavopa VOTO 6: La qualità c’è, prova sempre la giocata, cerca sempre di saltare l’uomo, anche se forse dovrebbe entrare più nel vivo dell’azione senza restare troppo isolato sulla fascia. (23’ st Faccini VOTO 6: Entra nel miglior momento neroverde e riesce a portare a termine il suo compitino senza strafare)

Turitto VOTO 7: La palma del migliore in campo è sua non solo per il gol, il primo della stagione bitontina, ma anche perché ci prova sempre, è un moto perpetuo sulla fascia destra dell’attacco neroverde, è una zanzara fastidiosissima per i difensori del Taranto. (36’ st Padulano sv).

All. Pizzulli VOTO 6.5: Promozione piena per il trainer neroverde che sistema in corsa la formazione con l’ingresso di Camporeale e ha il merito di infondere tranquillità anche durante il difficile approccio alla partita dei suoi ragazzi.