CALCIO - Tra San Giovanni Rotondo ed Omnia Bitonto a vincere è la nebbia

Partita rinviata a data da destinarsi a causa delle avverse condizioni climatiche a Monte Sant’Angelo

Stampa l'articolo

Storia di una non partita.

È stata rinviata a data da destinarsi la gara della seconda giornata del girone A del campionato di Prima Categoria tra San Giovanni Rotondo e Omnia Bitonto, in programma allo stadio “Comunale” di Monte Sant’Angelo, vista l’inagibilità dell’impianto della città di Padre Pio.

Una fitta nebbia, che ha ricoperto la città garganica sin dalla mattinata, ha infatti reso impraticabile l’impianto di Monte Sant’Angelo, con una visibilità ridotta davvero a pochissimi metri.

Alle 15,30, in coincidenza con l’orario di inizio della partita, l’arbitro, il signor Giuseppe Rizzi della sezione di Barletta, assieme ai capitani delle due squadre, Bonno per i padroni di casa e Grumo per l’Omnia Bitonto, ha effettuato il sopralluogo di routine sul rettangolo verde di gioco per verificare se ci fossero le effettive e necessarie condizioni di visibilità per poter dare il via al match.

La nebbia, davvero fitta, non lasciava scampo ad alcuna interpretazione: dalla linea laterale non si riusciva ad intravedere persino il centro del campo.

Dopo pochi minuti, nuovo sopralluogo dell’arbitro e dei due capitani per decretare definitivamente il rinvio del match.

Ora le due società si metteranno al lavoro per trovare la data migliore per entrambe le squadre per il recupero del match.

Per l’Omnia Bitonto, dunque, ecco arrivare un rinvio che potrebbe complicare ed intasare il calendario di impegni e trasferte, in un campionato che vede i biancoblu inseriti per la loro prima volta in un girone foggiano.

Il rinvio, inoltre, rimanda anche l’esordio dell’ultimo arrivato in casa Omnia Bitonto: un vero colpaccio di mercato in difesa. Stiamo parlando di Domenico Ciardi, classe 1986, ex Fortis Trani e Bitonto, chiamato subito alla corte di mister Giuseppe Gaudimundo anche per ovviare immediatamente all’assenza di Francesco Verriello, costretto a restare fuori almeno trenta-quaranta giorni a causa dell’infortunio alla caviglia rimediato nell’ultimo match di Coppa Puglia contro la Libertas Palese.