CALCIO - U.S. Bitonto, Sangirardi e Modesto firmano la vittoria di Corato

Leoncelli nuovamente solitari in vetta dopo il passo falso dello Sporting Altamura

Stampa l'articolo

Con un gol per tempo, i neroverdi sbancano il comunale di Corato (2 – 0) , centrano la quinta vittoria in trasferta e restano da soli in vetta alla classifica con due punti di vantaggio sullo Sporting Altamura.

Vittoria importante e davvero di prestigio quella della capolista che dimostra di aver assimilato sempre più il credo calcistico di mister di Venere: poco spazio per il calcio spettacolo, ma grande concretezza, cinicità e umiltà. E soprattutto tre punti, quelli che contano davvero. Quelli di ieri, poi, conquistati su un vero fortino (il Corato in casa aveva fatto cinque su cinque) e contro una squadra, quella allenata da Valeriano Loseto, che per lunghi tratti ha fatto la partita (specie nel secondo tempo) ma ha trovato sulla strada un Bitonto tatticamente perfetto e bravissimo a chiudersi a riccio e ripartire in contropiede e un Gaetano Lattanzi super in due circostanze.

Privo di Bonasia, Foggetti e Aloisio, mister di Venere preferisce Cifaratti a Roselli sulla fascia sinistra di difesa, Naglieri riprende il suo posto accanto a Zaccaro, Terrone terminale offensivo supportato da Roselli, Modesto e Lomuscio. Fin dai primi minuti già si intuisce l'andamento della gara: il Corato a fare la partita, Bitonto attento in difesa e rapace nei contropiedi. Il match, però, vive di poche fiammate e le uniche emozioni le regalano Stefanini (16', supera Naglieri in velocità ma il tiro è respinto da Lattanzi) e Vittorio (21', punizione alta). Ma è la capolista a passare. È il 38', quando Modesto si segnala per un'azione insistita sul lato destro dell'area di rigore, riesce a crossare in mezzo dove arriva l'accorrente Sangirardi che non sbaglia. Prima rete in campionato per l'ex centrocampista del Mola, sempre più insostituibile nelle geometrie di gioco. Al riposo è 0 – 1.

Nella ripresa è subito veemente la reazione dei padroni di casa, che potrebbero pareggiare dopo 1' con Stefanini, ma la sua conclusione a volo a botta sicura lambisce il palo alla destra di un immobile Lattanzi. Che però è grande protagonista tra il 16' e il 18': dapprima mette in angolo una gran conclusione da fuori di Uva, poi è bravissimo nel respingere sulla linea una palla vagante in area proprio da calcio d'angolo. È il momento di maggior pressione dei padroni di casa con il Bitonto tutto compatto dietro la linea della palla. Ma al 21' la capolista colpisce ed è spietata: sponda di Terrone per Modesto che entra in area dalla sinistra, si ferma, rientra, fa fuori il diretto avversario, batte Camerino sul secondo palo. Pochi minuti dopo, ci potrebbe essere gloria anche per Roselli, ma la sua conclusione a volo costringe lo stesso Camerino a rifugiarsi in angolo. La contesa, di fatto, finisce qui, anche perchè velleitari sono gli ultimi tentativi di Frascolla e Stefanini. Il neroverde che brilla a Corato è quello neroverde, da ieri solingo in cima alla classifica e sempre più sicuro della sua forza.

Domenicatappa n°14. Al “Città degli Ulivi” arriva il Canosa, avversario temibile e perciò da non sottovalutare. Ma il Bitonto vuole e deve continuare a dettare legge.


Juniores.Se l'U.S. Bitonto viaggia a gonfie vele, la Juniores invece è stata fermata immeritatamente 1 – 2 in casa dal Bisceglie. Inutile per i neroverdi il rigore di Caiati.