CALCIO - Us Bitonto, colomba amara. Ko immeritato in casa della capolista Gravina

I neroverdi devono arrendersi 2-0 ai murgiani, anche se entrambe le reti andavano annullate. Espulsi Modesto e Barone. Domenica 3 aprile arriva il Casarano

CALCIO - Us Bitonto, colomba amara. Ko immeritato in casa della capolista Gravina Foto tratta dalla pagina Facebook del Gravina

Gravina – Us Bitonto è una partita non difficile da decifrare, perché chi si aspettava l'abisso tra due squadre distanti 27 punti in classifica ha fatto male i suoi conti.

Già, perché anche nella notturna nella città gravinese (anche all'andata, nella città dell'olio, si giocò di giovedì e sempre sotto le luci dei riflettori), è andato in scena lo stesso copione di quattro mesi fa: i neroverdi ci mettono cuore, grinta e impegno e per 75' tengono benissimo testa alla capolista; i granata, già quasi sicuri di giocare tra i Dilettanti la prossima stagione, usano furbizia, astuzia, sicurezza di chi sa il fatto suo, e fanno pure i gol. Due. Entrambi nel primo tempo, con Albano prima e Fiorentino poi. Viziati, però, da un evidente fallo su Campanella e da un fuorigioco abbastanza solare, che solo la terna arbitrale non è stata in grado di vedere.

Eccola l'altra similitudine con la partita dell'andata: gli “aiutini” arbitrali a chi è in testa alla classifica. A novembre fu negato un rigore netto a Modesto (poi espulso, come anche ieri), ieri entrambe le marcature murgiane hanno fatto discutere.

Ma tant'è. Applausi per tutti. Al Gravina, che a tre gare dal termine ha 8 punti di vantaggio sul Barletta secondo. Al Bitonto, con un margine ancora sicuro – 4 lunghezze – sulla zona playout.

La partita. MisterGiacomo Pettinicchio si affida ancora al 4-3-1-2, ormai collaudato. Rana; Barone Arcangelo, Campanella, Rubini, Bonasia; Modesto, Lezcano, Aloisio; Cannone; Terrone, Manzari.

Dopo 180” il Gravina è già a segno: Sisalli mette al centro dove Rana – quello di casa - affossa Campanella, e riesce a toccare da terra per Albano, che batte Rana – quello bitontino - con una conclusione rasoterra che termina sul secondo palo.

Il Bitonto non si abbatte e, nonostante una qualità anche fisica inferiore, cerca di far valere i suoi argomenti offensivi, ma in realtà non li riesce a spiegare bene. I granata, invece, si dimostrano grande squadra, perché quando colpiscono fanno male. Come al 37', il minuto del raddoppio: Sisalli si fa trovare, in evidente fuorigioco, libero sul secondo palo, serve l'accorrente Fiorentino che col destro in corsa fa 2-0.

Il punteggio con cui si va all'intervallo.

Nella ripresa, i neroverdi tentano di riaprire il match, ma i padroni di casa controllano e a più riprese vanno vicini al tris, che non arriva.

Giungono, invece, due espulsioni. Modesto e Barone, cacciati dal signor Recchia di Brindisi per doppia ammonizione, e che salteranno la sfida di domenica 3 aprile, sul neutro a porte chiuse di Toritto, al Casarano.

La colomba pasquale è resa meno amara dalla classifica: il Bitonto è ancora fuori dalla lotteria dei playout, ma il rilassamento deve albergare il più lontano possibile dalla città dell'olio.